LightDark

Via Duca degli Abruzzi, 39
62012 Civitanova Marche (MC)

TELEFONO

+39 0733 812525

EMAIL

info@farmaciaforesi.it

Seguici su

© 2022 FARMACIA FORESI
Dott.Ssa Alessandra

Il Potere Curativo dei Fiori di Bach

Noi tutti siamo energia connessa ad altre energie. Viviamo immersi in un grande sistema energetico dove gli elementi sono interconnessi e in costante comunicazione tra loro.

Tutto è energia, la materia e la non materia. 

Anche i fiori sono energia. Ogni pianta, ogni specie emana una propria particolare frequenza che si irradia e connette con il nostro campo energetico.

 

Chi è Edward Bach

Edward Bach (Inghilterra, 1886-1936) fu medico, patologo, immunologo e batteriologo e grande pioniere dell’omeopatia, particolarmente noto per i suoi rimedi omeopatici conosciuti come “Fiori di Bach” o “rimedi floreali di Bach”.

Cosa sono i Fiori di Bach e a cosa servono

I Fiori di Bach sono estratti floreali che aiutano a migliorare il benessere generale della persona.
Dal punto di vista omeopatico, Bach si è dunque concentrato sullo studio degli stati emotivi e mentali sperimentati dai suoi pazienti e sulle peculiari tipologie di piante e fiori in grado di sbloccare il potere autocurativo dell’organismo.

 

“La salute è il nostro patrimonio, un nostro diritto. È la completa e armonica unione di anima, mente e corpo; non è un ideale così difficile da raggiungere, ma qualcosa di facile e naturale che molti di noi hanno trascurato”. 

(Edward Bach)

I dodici guaritori

In totale i Fiori di Bach sono 38 e sono capaci di curare altrettanti stati d’animo. In una prima fase di studio Bach ha individuato 12 fiori base, chiamati “i dodici guaritori”:

  • Rock Rose per alleviare il panico
  • Centaury per chi non è capace di dire di no
  • Gentian per evitare lo scoraggiamento
  • Scleranthus per gli indecisi
  • Mimulus per sopire la paura
  • Cerato per riuscire ad accettare l’aiuto degli altri
  • Impatiens per allenare la pazienza
  • Clematis per coloro che faticano a vivere il presente
  • Agrimony per chi vive un tormento celato e inquietudine
  • Water Violet per chi è eccessivamente riservate o timido
  • Vervain per l’eccessivo entusiasmo
  • Chicory per chi sperimenta un amore possessivo

 
Gli altri 26 Fiori di Bach, individuati dal ricercatore inglese in una fase successiva di ricerca, sono:

  • Holly per gli stati di rabbia e invidia
  • Hornbeam contro la stanchezza
  • Honeysuckle se si soffre di nostalgia
  • White Chestnut per alleviare la preoccupazione
  • Chestnut Bud per la tendenza a ripete sempre gli stessi errori
  • Walnut quando si affrontano grandi cambiamenti
  • Red Chestnut per un esasperato senso di apprensione per gli altri
  • Beech per chi è troppo intollerante e irritabile
  • Elm di fronte a un eccesso di senso di responsabilità
  • Larch per aumentare l’autostima
  • Sweet Chestnut in caso di forte angoscia
  • Cherry Plum per il timore di perdere il controllo
  • Pine per i sensi di colpa
  • Aspen per l’ipersensibilità
  • Wild Rose per contrastare l’apatia
  • Crab Apple quando si è sprofondati in un profondo pessimismo
  • Mustard per la tristezza
  • Star of Bethlehem per traumi psicofisici recenti
  • Willow per il risentimento

I Benefici dei Fiori di Bach

È giusto precisare che i Fiori di Bach non vanno intesi come elementi capaci di curare direttamente le persone. Piuttosto essi sono strumenti di supporto all’auto-guarigione che offrono uno stimolo verso il cambiamento, incoraggiando l’individuo a intraprendere un cammino che conduce a una maggiore consapevolezza interiore tramite profondi processi di autoanalisi e di introspezione.

 

I Fiori e la riscoperta energetica

L’energia che anima il nostro corpo, la nostra mente e il nostro spirito è molto più potente e complessa di quanto normalmente percepiamo attraverso i sensi e la mente.

I nostri sensi e la nostra mente permettono di accedere a una esperienza energetica che, per quanto importante sia, è comunque limitata. 

La vera e autentica struttura del nostro campo energetico è spesso celata. È dunque fondamentale cercarla e riscoprirla attraverso percorsi dedicati al risveglio della consapevolezza energetica.

L’approccio superficiale e poco consapevole alle fonti energetiche intorno a noi ci porta a vivere un’esperienza nella quale le frequenze energetiche percepite sono il frutto delle informazioni rielaborate dalla mente attraverso i canali sensoriali del corpo. 

Questo approccio inconsapevole e l’attività psichica ed emotiva che ne consegue producono pensieri ed emozioni che non riusciamo a incanalare e gestire adeguatamente. Il risultato è che, trovandoci in un atteggiamento passivo nei confronti di tali informazioni energetiche, i pensieri e le emozioni appaiono in modo confuso, caotico e quindi stancante. Ci sovrastano. 

Questo perché pensieri ed emozioni  sono un insieme di sistemi energetici che incidono profondamente sul nostro organismo. I fiori di Bach intervengono allora, esclusivamente, sul sistema energetico predisposto ad allontanare pensieri ed emozioni offuscanti e fuorvianti.

L’uso quotidiano e sapiente di miscele di fiori aiuta ad apprendere un nuovo modo di dialogare e interagire con l’energia del nostro corpo così da aumentare la nostra consapevolezza e assumere un atteggiamento più attivo e partecipe.

Le emozioni e i pensieri che si affollano, se messi in contatto con la frequenza pura e giusta per il nostro sistema energetico, progressivamente si districano e ordinano assumendo un senso profondo per la nostra anima che così può esperire un’autentica fonte di energia rigenerante per l’organismo.

Dunque, se ci avviciniamo con cura alle frequenze coerenti con la nostra essenza energetica, ecco che emozioni e pensieri mutano e diventano benefici, e mutano tanto più repentinamente quanto più siamo aperti e predisposti a un cammino di guarigione.